nonadattoadunpubblicosuggestionabile

Reply

Le auto famose di film e telefilm

« Older   Newer »
view post Posted on 5/8/2011, 10:25 Quote
Avatar

Amministratore Tiranno

Group:
Administrator
Posts:
3,573

Status:


La Ferrari di Magnum P.I.
Come un telefilm ha trasformato la 308 GTS in una delle Rosse più famose

Tempo d’estate, tempo di vacanze, ma anche tempo di meritati riposini pomeridiani di fronte alla TV accesa. Con questo primo articolo, dedicato a Magnum P.I. e alla sua Ferrari, vogliamo offrirvi l’occasione per conoscere qualcosa di più sulle auto protagoniste di film e telefilm che durante la stagione calda vengono trasmessi a ripetizione su tutti i canali televisivi. Nulla di meglio, quindi, che cominciare questa nostra rubrica estiva con la rossa Ferrari 308 GTS che accompagna per le assolate strade hawaiane il detective Thomas Sullivan Magnum IV, in breve “Magnum P.I.”, durante le otto stagioni dell’omonimo telefilm (1980-1988).

la-ferrari-di-magnum-pi_1

TROPPO BASSA PER TOM SELLECK
In realtà sarebbe meglio parlare delle Ferrari, al plurale, visto che sono tre i modelli della Rossa utilizzati durante le riprese. Quella guidata da Tom Selleck nella prima stagione è infatti una Ferrari 308 GTS del 1979 spinta dal noto V8 di 3 litri e 240 CV in versione USA. Non a caso l’iconica sportiva italiana viene scelta in versione apribile con tettuccio, visto che l’attore americano è alto 1 metro e 95 e non ci starebbe proprio dentro la coupé GTB. La produzione provvede poi a togliere le imbottiture dal sedile e bloccarne le guide nella posizione più arretrata, in modo che Magnum P.I. possa guidarla un po’ meglio. Nonostante tutto la testa di Selleck continua a svettare al di sopra del parabrezza e molto raramente lo si vede spostarsi con il tettuccio montato. La targa è “Robin 1”, quella personalizzata del fantomatico Robin Masters che ospita nella sua villa alle Hawaii il baffuto investigatore. Curiosamente solo la sigla iniziale mostra un altro numero di targa, il 56E-478 che deriva dalle riprese dell’episodio pilota del 1980.

la-ferrari-di-magnum-pi_5

DOVEVA ESSERE UN PORSCHE
Un retroscena poco noto è che la produzione del telefilm intendeva inizialmente utilizzare una Porsche 928. La Casa tedesca si rifiutò di realizzare uno speciale tetto apribile panoramico extral-large per le riprese aeree e così la scelta cadde sulla Ferrari 308 GTS, dotata per l’appunto di tettuccio asportabile. La prima vettura di Magnum P.I. si riconosce facilmente per il singolo specchietto arrotondato sulla sinistra, per l’assenza dello spoiler posteriore e per gli sfoghi d’aria dietro ai fari in tinta carrozzeria. Durante le riprese vengono in realtà utilizzate più vetture: una per le scene d’azione e una per le immagini ravvicinate, mentre gli incidenti e gli inseguimenti più movimentati vedono protagoniste delle finte Ferrari realizzate appositamente su telaio Pontiac Fiero.

la-ferrari-di-magnum-pi_3

VENDUTE ALL’ASTA
Già a partire dalla seconda stagione la Ferrari protagonista delle avventure hawaiane diventa una 308 GTSi, versione dotata di iniezione meccanica (214 CV), riconoscibile per i due specchietti rettangolari e per le griglie nere dietro i fari anteriori. Dalla quarta serie in poi il detective più famoso delle Hawaii viaggia a bordo di una Ferrari 308 GTS Quattrovalvole del 1984, vettura con 235 CV, nuove grate nere di uscita aria sul cofano anteriore e spoiler nero “a ponte” dietro la testa del pilota. Nell’episodio numero 13 della sesta stagione il protagonista della serie utilizza anche una 308 GTS Quattrovalvole di colore verde, sempre di Robin Masters. Grazie al telefilm la Ferrari 308 è diventata una delle Rosse più conosciute al mondo e ancora oggi molti la chiamano la “Ferrari di Magnum P.I.” Per tutti i cultori della serie ricordiamo che le vetture originali utilizzate durante le riprese sono state vendute all’asta nel 1988 e che molte sono ancora ospitate in musei, collezioni private d’America e agli Universal Studios di Hollywood.

la-ferrari-di-magnum-pi_9

Nell'appuntamento "cinematografico" di giovedì prossimo vi racconteremo delle automobili protagoniste di film horror, thriller e d'azione. Rimanete con noi!

Autore: Fabio Gemelli
Data: 4 agosto 2011

Fonte: www.omniauto.it/magazine/16703/magnum-pi-e-la-sua-ferrari

image
image

 
PM Email Web  Top
view post Posted on 5/8/2011, 10:39 Quote
Avatar

Amministratore Dottore

Group:
Administrator
Posts:
3,278

Status:


e che dire della testarossa bianca di "Miami Vice" ????

i002105

e della charger del 69 meglio conosciuta come Generale Lee???

jpg

e la pontiac firebird trans-am a cui bastavano 7-8 LED rossi per diventare KITT????

Pontiac-aa_1982_firebird_trans_am_knight_rider_1024x768

ho aggiunto queste perchè l'autore dice di voler passare direttamente alle auto da fil, mentre i telefilm hanno ancora molto da dire!!!

P.S. se tra quelle dei film non c'è la Delorean gli scrivo una lettera minatoria!!!! :daniele:

 
PM Email  Top
view post Posted on 5/8/2011, 10:52 Quote
Avatar

Amministratore Tiranno

Group:
Administrator
Posts:
3,573

Status:


Quelle che hai postato sono ormai divenute delle vere e proprie icone.
Comunque non disprezzerei quelle dei film.
Per gli horror avrei come esempio questa (e credo che il Dottore sia un estimatore :D )

3407023479_54835be534

Questa rimarrà sempre nel mio cuore :wub:

kowalski1

E la prima auto di Bond con le mitragliatrici??? :lol:

Aston-Martin-DB5

image
image

 
PM Email Web  Top
view post Posted on 5/8/2011, 12:15 Quote
Avatar

Amministratore Dottore

Group:
Administrator
Posts:
3,278

Status:


Christine è il mio amore!!!!

tra le macchine iconiche dei telefilm non dimentichiamoci la Gran torino di starsky e hutch:

ford_gran_torino_starsky_hutch_1974_011

 
PM Email  Top
view post Posted on 12/8/2011, 20:38 Quote
Avatar

Amministratore Tiranno

Group:
Administrator
Posts:
3,573

Status:


Auto del terrore
Le protagoniste motorizzate del cinema horror, thriller e splatter

le-auto-del-terrore-nel-cinema_4

Il ciclo estivo di OmniAuto.it dedicato alle automobili del cinema, inaugurato con le >Ferrari di Magnum P.I., prosegue oggi con una veloce carrellata sulle protagoniste di film horror, thriller e splatter, quelli che imperano fra i programmi TV nella stagione calda. La carrellata, che non ha pretese di completezza e che attende i vostri suggerimenti, viene aperta di diritto dalla rossa Plymouth Fury ‘58 di “Christine, la macchina infernale” (Christine, 1983). Si tratta probabilmente dell’unica automobile indemoniata della storia, in grado di uccidere e rigenerarsi quando viene danneggiata. Durante le riprese del film, basato su un racconto di Stephen King, il regista John Carpenter arrivò a distruggere 21 Plymouth Belvedere, vettura simile alla rarissima Fury del 1958 (5.303 esemplari).

le-auto-del-terrore-nel-cinema_7

ALTRE VETTURE “POSSEDUTE”
Pur senza voler stilare una classifica delle “auto del terrore”, occorre a questo punto citare il capostipite dei veicoli spaventosi: si tratta di un camion, quello di Duel (1971). In questo primo film TV di Steven Spielberg un mastodontico Peterbilt 281 guidato da un folle cerca in tutti i modi di eliminare un tranquillo automobilista a bordo della sua Plymouth Valiant. Ancora più malefica è la scura protagonista di “La macchina nera” (The Car, 1977), senza guidatore e in grado di commettere gli omicidi più efferati. Dietro le forme diaboliche della vettura incriminata si nasconde una Lincoln Continental MK III del 1971, debitamente camuffata dal mago di Hollywood delle trasformazioni George Barris. Di queste ne sono state realizzate 7, 6 delle quali distrutte durante le scene del film.

le-auto-del-terrore-nel-cinema_10
le-auto-del-terrore-nel-cinema_11

C’E’ ANCHE QUENTIN TARANTINO
Proseguendo in questa panoramica va poi ricordata la Chevy Nova del 1971 che il pazzo Kurt Russel utilizza come strumento dei suoi delitti in “Grindhouse - A prova di morte” (Death Proof, 2007). Il cinefilo e appassionato cultore anni ‘70 Quentin Tarantino dirige questo curioso e agghiacciante film inserendovi anche una Dodge Charger e una Challenger del 1969 e del 1970, oltre a citazioni di famosi film “automobilistici” come Vanishing Point (1971) e Gone in 60 Seconds (1974). Per chiudere il nostro breve elenco vogliamo ricordare vetture non protagoniste, ma che appaiono in alcuni film importanti del genere. Basti ricordare la ECTO1 dell’horror comico Ghostbusters (1984), un’ambulanza Cadillac del 1959 utilizzata come ufficio mobile degli acchiappafantasmi. Come dimenticare poi la Jeep Gladiator ‘63 di Tremors (1990) o la Oldsmobile Delta 88 che appare per la prima volta nel pauroso “La casa” (The Evil Dead, 1981) per tornare poi in quasi tutti i film successivi dello stesso regista Sam Raimi. Un ultimo ricordo lo meritano il maggiolino giallo guidato da Jack Nicholson nella splendida scena d’apertura di The Shining (1980) e la Fiat Giannini 500 TV su cui David Hemmings e Daria Nicolodi scorrazzano in Profondo Rosso (1975).

le-auto-del-terrore-nel-cinema_15
le-auto-del-terrore-nel-cinema_19

La prossima volta ci occuperemo di Fuori in 60 Secondi (2000) e delle sue rombanti bellezze. Preparate i popcorn!

Autore: Fabio Gemelli
Data: 11 agosto 2011

Fonte: www.omniauto.it/magazine/16720/auto-del-terrore

image
image

 
PM Email Web  Top
view post Posted on 22/8/2011, 20:30 Quote
Avatar

Amministratore Tiranno

Group:
Administrator
Posts:
3,573

Status:


Le macchine di "Fuori in 60 Secondi"
50 auto da rubare e tanto divertimento per gli appassionati

Vi siete ripresi dal precedente appuntamento con le "auto del terrore"? Se sì, preparatevi a tirare un sospiro di sollievo, perché voltiamo pagina! Tutti gli appassionati di automobili e di cinema conoscono bene il film “Fuori in 60 Secondi”, soprattutto per l’orgia di supercar che vengono viste da vicino, di sfuggita o solo citate dai protagonisti Nicolas Cage, Angelina Jolie e Robert Duvall. Gli stessi cultori sapranno anche che questo del 2000 è il remake del meno noto, ma non meno interessante, film del 1974 con lo stesso titolo. Per questa nuova puntata cinematografica di OmniAuto in versione estiva abbiamo quindi deciso di dedicarci alla pellicola più recente, quella diretta da Dominic Sena e infarcita di vetture da sogno di quasi un decennio fa.

50 BELLEZZE DA COLLEZIONE
Il parterre di belle macchine presentato da “Fuori in 60 Secondi” offre il meglio della produzione mondiale del periodo e di auto da collezione, quasi equamente diviso fra americane, europee e giapponesi. Le auto entrano prepotentemente nella storia del film come strumenti salvezza per Randall "Memphis" Raines (Nicolas Cage), un ladro d’auto non più in attività che deve rubare ben 50 vetture in 72 ore per poter salvare il fratello “Kip” dalle minacce di morte dell’acerrimo nemico Raymond Calitri. La lista di 50 bellezze motorizzate da arraffare comprende autentici capolavori e gioielli da collezione come Ferrari 275 GTB/4, Mercedes 300 SL “Gullwing”, Jaguar XJ220, Porsche 959, Plymouth Roadrunner e Shelby Mustang GT 500 (Eleanor). Proprio questa è la vera perla rara della collezione (80 pezzi), ultima e più difficile auto da trovare per il “ladro gentiluomo”, che finisce per distruggerla completamente nella folle corsa verso la salvezza del fratello. I 12 esemplari usati per le riprese sono in realtà repliche ben fatte su normale base Mustang ‘67.

CORSI DI GUIDA SPORTIVA PER NICOLAS CAGE
Per palati raffinati è anche la rosa Cadillac Serie 62 con le sue pinne puntute ed esagerate in coda, così come la Lamborghini Diablo SE30 che Cage e la Jolie si apprestano a rubare in una scena “hot” del film. Impossibile dimenticare poi la Hummer con targa “Snake” che utilizza come antifurto un serpente vivo o la BMW 540i che il detective Roland Castlebeck guida in maniera indiavolata per inseguire la Shelby di Raines nel finale del film. Un’ultima citazione la merita poi la Cadillac Eldorado del 1983, vettura non inclusa nella lista delle 50, ma che grazie al suono del suo motore riesce a distrarre il detective Castlebeck. Un’ultima curiosità: durante la lavorazione della pellicola lo stesso Nicolas Cage interpretò molte delle scene di guida più pericolose ed essendo un appassionato collezionista di auto approfittò dell’occasione per frequentare prima e dopo le riprese numerosi corsi di guida sportiva. Qui di seguito c’è la famosa lista, con accanto il nome di donna utilizzato come codice di copertura anti-polizia.

Aston Martin DB1 (1962): Barbara
Aston Martin DB7 (1999): Mary
Bentley Arnage (1999): Lindsey
Bentley Azure (1999): Laura
Bentley Continental (1964): Alma
Cadillac Eldorado (1959): Madeline
Cadillac Eldorado Brougham (1999): Patricia
Cadillac Eldorado STS (2000): Daniela
Cadillac Escalade (1999): Carol
Chevrolet Bel Air Convertible (1957): Stefanie
Chevrolet Camaro Z28 (1969): Erin
Chevrolet Corvette (1953): Pamela
Chevrolet Corvette Stingray Big Block (1967): Stacey
Ford F350 4x4 pick-up (2000): Anne
De Tomaso Pantera (1971): Kate
Dodge Daytona (1969): Vanessa
Dodge Viper Coupe GTS (1998): Denise
Ferrari 275 GTB/4 (1967): Nadine
Ferrari 550 Maranello (1999): Angelina
Ferrari F355 (1995): Diane
Ferrari F355 F1 (1997): Iris
Ferrari Testarossa (1987): Rose
Ford Thunderbird (1957): Susan
GMC Yukon (2000): Megan
Hummer Pickup (1999): Tracy
Infiniti Q45 (1999): Rachel
Jaguar XJ220 (1994): Bernadene
Jaguar XK8 Coupe (1999): Deborah
Lamborghini Diablo ES30 (1990): Gina
Lexus LS 400 (1999): Hillary
Lincoln Navigator (1999): Kimberley
Mercedes Benz 300 SL Gullwing (1957): Dorothy
Mercedes Benz CL 500 (1999): Donna
Mercedes Benz S 600 (1999): Samantha
Mercedes Benz SL 600 (1998): Ellen
Mercury Custom (1950): Gabriela
Plymouth Hemi Cuda (1971): Shannon
Plymouth Roadrunner (1969): Jessica
Pontiac GTO (1965): Sharon
Porsche 911 Twin Turbo (1997): Tanya
Porsche 959 (1988): Virginia
Porsche 996 (1999): Tina
Porsche Boxster (2000): Marsha
Porsche Speedster (1961): Natalie
Rolls Royce Limousine (2000): Grace
Shelby AC Cobra (1966): Ashley
Shelby Mustang GT 500 (1967): Eleanor
Toyota Landcruiser (2000): Cathy
Toyota Supra Turbo (1998): Lynn
Volvo Turbo Wagon R (2000): Lisa


P.S.
Nella prossima puntata ci occuperemo di video musicali, con le mirabolanti supercar di Jay Kay (Jamiroquai).

Autore: Fabio Gemelli
Data: 18 agosto 2011

Fonte: http://www.omniauto.it/magazine/16761/le-m...i-in-60-secondi

image
image

 
PM Email Web  Top
5 replies since 5/8/2011, 10:25
 
Reply